HOME | DOJO | GALLERIA | APPROFONDIMENTI | CORRELAZIONI

yuno kusen | opuscoli sanrin | bibliografia | femminile nel buddhismo





.......Punna cresce piena di buone qualità.
.......Come la luna al quindicesimo giorno,
.......al culmine del discernimento,
.......squarcia la massa dell'oscurità.




IL FEMMINILE NEL BUDDHISMO

Il Sangha monastico è uno solo, al di là del genere di appartenenza, e la Via del Dharma è il sentiero in cui praticare tutti assieme gli insegnamenti del Buddha che portano alla realizzazione del Risveglio, della Saggezza Compassionevole e dell’Equanimità che abbraccia e include tutte le differenze, che non crea separazioni e che si manifesta sempre a beneficio di tutti gli esseri.
La Via del Buddha ci insegna a riconoscere che non esiste separazione fra gli esseri, né tanto meno fra i membri del sangha di tutte le scuole buddhiste, o religiosi di altre tradizioni. Riconoscere la non-separazione non implica negare differenze e peculiarità caratteristiche individuali e collettive.
Questo vale anche in relazione alla vita monastica – femminile e maschile – le cui naturali differenze, storiche o simboliche che siano, non devono essere trascurate: una maggiore consapevolezza a riguardo, da parte di tutti, può soltanto aiutare le persone a porsi meglio a servizio della pratica stessa e del beneficio di tutti gli esseri.
Da Mahaprajapati a noi oggi, dagli aspetti storici a quelli spirituali e simbolici, il sangha monastico femminile ha molto da offrire nella importante condivisione di una pratica profonda in comune, dovunque.
Aspetti archetipici e simbolici, come quello del Femminile, sono fondamentali funzioni presenti da sempre in ciascun individuo, e tali aspetti, manifestati anche dagli Illuminati, necessitano di essere meglio conosciuti perché sia possibile, per tutti, integrarli nel rispetto profondo delle differenze naturali degli individui.



DOCUMENTAZIONE

Mahapajapati Gotami Theri, la Grande Madre Adottiva
Bibliografia sul femminile nel Buddhismo
Bibliografia sull'archetipo e la spiritualità femminile
Dedica alle Matriarche (liturgia zen), composta da François Dosan Loiseau

2021, 30 marzo, Centro Mandala di Studi Tibetani, video-conferenza di Doju Freire su "Il Femminile nel Buddhismo" (yuotube)
2021, 30 marzo, Centro Mandala di Studi Tibetani, video-conferenza di Doju Freire su " Il Femminile ancestrale" (yuotube)

2014, 27/28 settembre, 2° Incontro delle Monache Buddhiste in Italia, documentazione

2013, 5/7 aprile, 1° Incontro delle Monache Buddhiste in Italia, documentazione
2013, 4 aprile, 1° Incontro, audio, 1h03, apertura con Geshe Ghelek
2013, 5 aprile, 1° Incontro, audio, 0h54, prima sessione (prima parte)
2013, 5 aprile, 1° Incontro, audio, 0h35, prima sessione (seconda parte)
2013, 5 aprile, 1° Incontro, audio, 1h04, seconda sessione
2013, 5 aprile, 1° Incontro, audio, 2h02, terza e quarta sessione
2013, 6 aprile, 1° Incontro, audio, 1h28, quinta sessione
2013, 6 aprile, 1° Incontro, audio, 1h02, sesta sessione
2013, 6 aprile, 1° Incontro, audio, 1h19, settima sessione
2013, 6 aprile, 1° Incontro, audio, 1h15, sessione riassuntiva
2013, 7 aprile, 1° Incontro, audio, 0h28, meditazione e sutra
2013, 7 aprile, 1° Incontro, audio, 1h28, sessione finale (prima parte)
2013, 7 aprile, 1° Incontro, audio, 0h20, sessione finale (seconda parte)





LES MATRIARCHES DU ZEN, edizione originale in francese, François Dosan Loiseau, novembre 2016

LE MATRIARCHE DELLO ZEN, edizione italiana a cura della Associazione Zen Kosen di Bergamo e della Associazione Sanrin di Fossano
traduzione Chiara Mokusho Pandolfi, revisione e impaginazione Lucio Yushin Morra
pubblicato in proprio nel marzo 2021










ASSOCIAZIONE SANRIN - associazione culturale - codice fiscale 92010630041
Via Don Minzoni, 12 - 12045 Fossano (CN) - 338-6965851 – dojo@sanrin.it